Tumore dell’endometrio, Fattori di Rischio ma la Causa da non Sottovalutare è…

Il tumore dell’endometrio è la forma di cancro più frequente che colpisce il corpo dell’utero, e in Italia rappresenta il 4% di tutti i tumori.

Tumore dell’endomentrio , Fattori di Rischio ma la Causa da non Sottovalutare è il sovrappeso, quei chili di troppo che invece andrebbero sempre eliminati, così come lo è anche il diabete che, con i chili di troppo, ha certamente una stretta relazione. Il tumore dell’endometrio è la forma di cancro più frequente che colpisce il corpo dell’utero, e in Italia rappresenta il 4% di tutti i tumori. È al quarto posto come incidenza, preceduto, in ordine, dal cancro al seno, ai polmoni e al colon. I fattori di rischio sono diversi e andrebbero conosciuti per ridurre il più possibile il pericolo di contrarre tale neoplasia, così come è importante saper riconoscere i sintomi in modo da intervenire per tempo. Si sa che con i tumori è fondamentale, oltre alla prevenzione ovviamente, la diagnosi precoce, in grado di fare quasi sempre la differenza tra la possibilità di guarigione e un decorso invece infausto. La prevenzione, in particolar modo, è il modo migliore per combattere il tumore, regola che ovviamente vale anche per tante altre malattie, anche gravi. Conoscere i fattori di rischio è essenziale per cercare di prevenire le malattie in generale.

Il tumore dell’endometrio colpisce prevalentemente le donne in menopausa, con una età media di insorgenza che si aggira intorno ai 60 anni, anche se non è escluso che possa colpire donne anche più giovani. I fattori di rischio principali sono sovrappeso, obesità, una dieta ricca di alimenti grassi e ricchi di calorie e anche il diabete. Una persona affetta da questa patologia ha il rischio 4 volte maggiore di contrarre questo tipo di neoplasia. Anche gli ormoni ricoprono un ruolo importante, ed in particolare gli estrogeni, tanto è vero che più lunga è la durata del ciclo mestruale nella vita, ovvero più tardiva è la menopausa, maggiore sarà il rischio di contrarre il tumore dell’endometrio.

La pillola anticoncezionale, al pari delle gravidanze, in qualche modo svolgere una funzione protettiva, mentre la terapia ormonale sostitutiva che si assume durante la menopausa rappresenta un fattore di rischio, sempre che la terapia sostitutiva sia solo a base di estrogeni, mentre si contiene anche i progestinici, il rischio si riduce. Ovviamente, le donne con tali fattori di rischio non è detto che debbano necessariamente essere interessate da un tumore dell’endometrio, tuttavia è bene che siano sempre molto attente ai sintomi, anche ai disturbi più lievi.

Il sintomo principale è senza alcun dubbio il sanguinamento, sia che si tratti di un sanguinamento tra un ciclo e l’altro, sia che si tratti di un sanguinamento in periodo di menopausa. In quest’ultima eventualità, è necessario rivolgersi prontamente e senza indugi al ginecologo di fiducia perché, come detto in precedenza, una diagnosi precoce fa sempre la differenza. Un sanguinamento tra un ciclo e l’altro può essere anche il sintomo di un altro malessere, tuttavia è sempre meglio essere prudenti e non sottovalutare il problema. Un sanguinamento senza una causa apparente va sempre attenzionato, perché altrimenti si corre il rischio di arrivare tardi.

Ma non solo il sanguinamento, perché anche altri possono essere i sintomi di un
tumore dell’endometrio. Perdite di sangue maleodoranti, dolore al basso ventre, ai reni, o un dimagrimento costante e senza alcun motivo, sono tutti sintomi che vanno presi seriamente in considerazione, mai sottovalutati, soprattutto poi se ad essi si aggiunge anche uno stato di debilitazione continua, stanchezza, e altro ancora. A parte la sintomatologia cui prestare sempre la massima attenzione, la parola d’ordine è sempre la stessa: prevenzione. Solo cercando di limitare i fattori di rischio è possibile ridurre il pericolo di sviluppare un tumore dell’endometrio, regola del resto che vale un po’ per tutte le patologie, dalle banali alle più serie.

Fonte: http://www.tuttasalute.net/35590/tumore-dellendometrio-fattori-di-rischio-ma-la-causa-da-non-sottovalutare-e.html

Lascia una risposta

  • Commenti recenti